Ultimi argomenti
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata


cosa dice l' Azione cattolica, da Tecnica della scuola

Andare in basso

cosa dice l' Azione cattolica, da Tecnica della scuola

Messaggio  direttore didattico il Lun Ott 27, 2008 10:46 am

da Tecnica della Scuola

Dl Gelmini: tra gli oppositori anche gli intellettuali di Azione cattolica
di A.G.

Attraverso una mozione ad hoc il Movimento ecclesiale boccia senza appello i decreti Gelmini chiedendone il ritiro per una discussione comune: "i contenuti non sembrano essere il frutto di un chiaro e coerente disegno pedagogico e non manifestano alcuna finalità educativa”. E tra le associazioni il fronte dei contestatori diventa sempre più bipartisan.
Si allarga di giorno in giorno la ‘rosa’ di contestatori dei decreti sulla scuola: dopo il dissenso espresso da larga parte dei docenti, studenti, genitori e sindacati è la volta dei movimenti e delle associazioni. Sorprende non poco il fatto che sebbene ispirate a principi diversi, a volte opposti, si ritrovino assieme per dire no alle novità imposte dal Governo sul fronte scolastico: tanto che dopo aver assistito alle vibranti proteste di quelle più laiche e vicine alla sinistra politica, negli ultimi giorni stanno assumendo una posizione critica verso l’operato del Governo anche quelle di stampo cattolico e decisamente più centriste.
L’ultima in ordine di tempo è ad opera del Meic, il Movimento ecclesiale di impegno culturale, che ha deciso di dedicare ai provvedimenti in atto sulla scuola una buona parte della decima assemblea nazionale: tanto che al termine dei lavori gli intellettuali dell'Azione cattolica hanno approvato con una larghissima maggioranza prima il "Documento Camaldoli" – con le varie riflessioni e proposte del Movimento – e poi una mozione proprio sull’istruzione.
Si tratta di un documento che boccia senza appello i decreti Gelmini: "i contenuti non sembrano essere il frutto di un chiaro e coerente disegno pedagogico - si legge nel testo approvato – e non manifestano alcuna finalità educativa, salvo che si consideri l'educazione come equivalente ad una più dura disciplina, e la valutazione degli studenti come identica ad una semplice assegnazione di voti numerici".
Il Meic si oppone quindi ai tagli ("spendere meno non è spendere meglio") e , in linea anche con i commenti del settimanale ‘Famiglia Cristiana’, alle classi-ponte per studenti stranieri con maggiori difficoltà di apprendimento: "condurrebbero – sostengono gli intellettuali di Azione cattolica - a risultati opposti rispetto all'obiettivo dell'integrazione e della cittadinanza". La conclusione è che il Meic chiede il ritiro immediato dei decreti e la loro trasformazione "in un disegno di legge da sottoporre alla discussione del Parlamento e ad un ampio dibattito nella scuola e nella società civile" senza consultare le quali “le riforme non sono possibili”.
Insomma, se è vero che non si può certo conoscere l’esito della contestazione di sicuro al momento si può dire che i suoi oppositori , dalle ‘anime’svariate, diventano sempre più bipartisan.
avatar
direttore didattico

Numero di messaggi : 76
Data d'iscrizione : 20.09.08

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum