Ultimi argomenti
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata


dichiarazione dell'assemblea sindacale del 16-10-2008

Andare in basso

dichiarazione dell'assemblea sindacale del 16-10-2008

Messaggio  roberta il Ven Ott 17, 2008 11:35 am

QUALE SCUOLA DOMANI?






In riferimento al decreto legge 137/2008, l’assemblea sindacale del III Circolo didattico di Bassano del Grappa del 16-10-2008 esprime le seguenti riflessioni sulle modifiche che riguardano la scuola primaria.

· La presenza di un team di insegnanti nelle classi e la conseguente divisione delle discipline consentono a ciascun insegnante di aggiornarsi, di fare ricerca e di essere più preparato di un maestro “tuttologo”. Il ritorno al maestro unico sarebbe una grave perdita per la qualità dell’intervento didattico.

· Il confronto con i colleghi permette di cogliere la complessità della realtà e di trovare strategie più efficaci in classi che diventano sempre più eterogenee e di fronte a bambini sempre più complessi. Anche rispetto ai genitori il gruppo docente può fornire un rapporto più ricco ed equilibrato. Con la reintroduzione del maestro unico non sarà più possibile impostare il lavoro dei docenti sul confronto e sulla collaborazione.

· Le ore di compresenza, già pesantemente erose dalla necessità di coprire le supplenze, permettono una didattica di recupero e interveni individualizzati. Sono inoltre una risorsa preziosa per le attività di alfabetizzazione con gli alunni stranieri e per la loro integrazione.

· La compresenza di più insegnanti consente di attuare un’offerta formativa più ricca, con l’attuazione di laboratori, uscite didattiche ecc. Con la reintroduzione del maestro unico non saranno più possibili una didattica di recupero e di arricchimento dell’offerta formativa, perché non ci saranno più compresenze.

· La riduzione del tempo scuola e lo stravolgimento del tempo pieno come progetto educativo unitario, non rispondono né alle esigenze dei genitori né alla qualità dell’insegnamento.





L’assemblea auspica, inoltre, che vengano rivisti i tagli della scuola che determineranno l’aumento degli alunni per classe, la riduzione del personale della scuola (insegnanti e ATA), compresi gli insegnanti di sostegno, la riorganizzazione della rete scolastica con la chiusura di numerose scuole, la revisione dei curricoli e delle discipline nelle scuole di ogni ordine e grado.





LA SCUOLA E’ IL FUTURO DEI SINGOLI CITTADINI E DELL’INTERA SOCIETA’ E NEL FUTURO NOI VOGLIAMO CREDERE E INVESTIRE.



Bassano del Grappa, 16-10-2008

roberta

Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 17.10.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum