Ultimi argomenti
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata


Maestro unico in Europa

Andare in basso

Maestro unico in Europa

Messaggio  Orianna Tinazzi il Mer Ott 22, 2008 7:07 pm

MAESTRO UNICO/ Nessun paese europeo prevede più docenti nella scuola
primaria

Fabrizio Foschi

giovedì 2 ottobre 2008

«Ritengo che non se ne debba fare un totem: già
adesso, se guardiamo la realtà dei fatti, ci sono tante scuole che nelle
prime classi hanno l’insegnante prevalente». Così Massimo Di Menna,
segretario della Uil-Scuola, nell’intervista pubblicata il 29 -09 su ilsussidiario.net.
Guardare la realtà è certamente un modo ragionevole di affrontare
una questione. Innanzitutto guardiamo all’Unione Europea, ai cui dettami
tutti, in ogni circostanza, dal commercio di frutti esotici all’immigrazione,
fanno riferimento.
Addentrandosi nella banca dati della rete Eurydice
sui sistemi educativi europei (http://eacea.ec.europa.eu/portal/page/portal/Eurydice/EuryPresentation)
si fa una scoperta interessante: nessun paese prevede nella scuola primaria la
pluralità dei docenti che vige in Italia nell’organizzazione modulare.


AUSTRIA



Per tutti e 4 gli anni della scuola primaria,
c’è un maestro unico per classe + insegnante di religione e, in certi casi,
insegnante di lavori tecnici e/o tessili.



BELGIO (nl)



Un maestro unico insegna normalmente tutte le
materie. Talvolta, sono nominati insegnanti specifici per materie come
musica, educazione fisica, religione ed etica non confessionale.





BELGIO (FR)



Generalmente un unico insegnante è responsabile
di tutte le materie, eccetto per i corsi di filosofia, educazione fisica,
lingua moderna. Talvolta accade, ma molto raramente, che alcuni
insegnanti si specializzino e si suddividano le materie (assouplissement du
titulariat). Questo avviene alla fine dell’istruzione primaria

ESTONIA

Nei primi 6 anni del ciclo di base
(corrispondenti al livello primario) c’è un maestro unico (insegnante
generalista) che insegna tutte le materie.



FINLANDIA



Nei primi 6 anni del ciclo di base (corrispondenti
al livello primario), c’è generalmente un maestro unico che insegna tutte le
materie.



FRANCIA



Maestro unico. Ci sono talvolta insegnanti
negli ambiti artistici e sportivi, ma si tenta di “scoraggiare” queste
iniziative.



GERMANIA



Maestro unico nel 1° e 2° anno; dal 3° anno
vengono introdotti più maestri per le varie materie per abituarli al livello
secondario.

GRECIA



Maestro unico. Maestro specialista per inglese
e seconda lingua straniera, educazione fisica e musica.





INGHILTERRA



Maestro unico, generalmente annuale (cambia
ogni anno).





LITUANIA



Maestro unico. Se il maestro non ha qualifiche
specifiche vengono introdotti altri docenti per lingua straniera, danza, ecc.



MALTA



Maestro unico annuale (cambia l’anno successivo).
Altri insegnanti per arte, musica, teatro, TIC, sviluppo personale e sociale,
scienze ed educazione fisica.



PAESI BASSI



Maestro unico, ma le scuole possono avere
docenti specialisti (es. per educazione

fisica, religione, arte, musica, artigianato)

PORTOGALLO



Lo stesso insegnante accompagna la classe per
tutto il primo ciclo del percorso obbligatorio (6 a 10 anni di età)

REPUBBLICA CECA



Generalmente, nel primo ciclo della struttura
unica di base (corrispondente al livello primario), c’è un maestro unico
(insegnante generalista); talvolta lingue straniere ed educazione fisica
sono insegnate da un insegnante specifico.



ROMANIA



Un insegnante per classe.





SLOVACCHIA



Un insegnante + eventuali altri insegnanti (che
insegnano anche in altre classi del primo o del secondo ciclo) per musica,
disegno, educazione fisica, educazione tecnica.

SPAGNA



Maestro unico. Insegnanti specialisti per
educazione fisica, musica, lingua straniera e per eventuali altre materie
offerte dalla scuola

SVEZIA





In genere un insegnante per i primi 3 anni del
ciclo unico (da 7 a
10 anni).



UNGHERIA



Maestro unico per i primi due anni e un altro
maestro unico per i successivi due anni.


D’altra parte ben l’hanno
compreso i molti docenti (e dirigenti) di scuola primaria italiana che, dopo i
primi anni di esperienza dei “moduli” (3 insegnanti equamente divisi su 2
classi,oltretutto difficilmente gestibili a livello organizzativo),
hanno modificato la struttura passando via via all’insegnante prevalente, complice
anche un emendamento alla legge 148/90 presentato dall’on Strick Lievers) e poi a quello unico (sì, proprio così
il maestro unico c’è già!)
Corsico, Buccinasco, Novate Milanese, comuni del
Nord, pochissimi chilometri da piazza del Duomo di Milano: dalla metà degli
anni ’90 in alcune scuole ci si è ingegnati per porre rimedio ai danni di una
legge che aveva soppresso il tempo “normale” nella scuola elementare, cioè un
orario scolastico di 24 ore settimanali distribuito su 6 mattine (8.30-12.30)
svolto da un solo insegnante.
Complesso sarebbe elencare tutte le combinazioni
orarie attuate che sono diverse nelle varie scuole a seconda delle
competenze e delle passioni (condizione principe per raggiungere la
competenza!) degli insegnanti, delle esigenze degli alunni, della locazione
delle classi; un unico denominatore: il maestro prevalente.
In alcuni casi (tuttora) gli insegnanti
prevalenti esauriscono il loro orario (22 ore) in una classe, in altri
l’insegnante prevalente, avendo la specializzazione in IRC o inglese, svolge 2
ore di insegnamento in un'altra classe.
Le ore restanti, fino al raggiungimento delle 27
(o 30 ) previste, sono a carico di un insegnante che lavora in 2 classi (e per
questo alcuni collegi docenti hanno previsto un incentivo economico) oppure di
2 insegnanti a part time (uno per classe).
Anche l’abbinamento delle aree disciplinari è
diversificato: l’insegnante prevalente-quasi unico insegna, oltre a scienze,
religione cattolica (o inglese o musica), anche italiano e matematica per
precisa scelta pedagogica; oppure italiano, storia, geografia, ed. civica,
musica, arte.
Le ore di contemporaneità sono destinate ad
attività con piccoli gruppi di alunni per il rinforzo delle abilità di base
(negli ultimi anni l’insegnamento dell’italiano agli stranieri) e al
laboratorio di informatica in cui il numero delle postazioni è di molto
inferiore a quello degli alunni della classe.
In tutti i casi l’esperienza per gli alunni è
stata e continua ad essere positiva sia in termini di soddisfazione che di
apprendimento.
La proposta del ministro Gelmini non è quindi una
gran novità rispetto a quel che, in alcune scuole, è già in atto nel rispetto
delle esigenze delle famiglie.
Infine le 2 ore aggiunte
all’orario di insegnamento potrebbero non essere un nostalgico ritorno al
passato ma la constatazione che è poco ragionevole fare una riunione
settimanale per mettere insieme ciò che, insegnato da una sola persona, lo
sarebbe già.
Lungo la penisola sono certamente tante le
esperienze “creative” a questo riguardo. Sarebbe molto interessante farle
conoscere; la rubrica de [i]ilsussidiario.net
"Insegnare
NON stanca"
, a cura dell'associazione Diesse, offre spazio a chi
desidera documentarle.

Orianna Tinazzi

Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 22.10.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum